Antichi mestieri tra Carso e mare: le tonnare dell’Alto Adriatico

>> UN LUOGO, UNA STORIA

Incornisà fra i tronchi, / su la cresta del monte, / se vedi in basso el mar:/ tuto una luse, tuto un tremolar/ de picoli speceti, / come brilanti, fin su l’orizonte” – Sergio Pinetti, “Tassei de Carso. Piccola guida poetica del Carso Triestino”

Questi i versi che ispirano questa semplice passeggiata sul ciglione carsico nei pressi del borgo storico di Santa Croce/ Križ: attraverso il Bosco San Primo, affacciati sullo splendido Golfo di Trieste tra calcare, pini neri e profumo di mare.

SCorcio nei pressi di Santa Croce (FOTO: S. Famiani – diritti riservati)

Santa Croce, borgo abbarbicato sulla costiera triestina a 300 metri sul mare, era un paese di pescatori, ma non pescatori qualunque, bensì “tonnaroti”! Dall’alto del ciglione le vedette attendevano l’arrivo dei tonni e al loro segnale le čupa prendevano il largo per catturare i banchi di pesce, in un’impresa unica nell’Alto Adriatico. Ormai solo un ricordo, l’incanto di questa tradizione vive ancora nel museo della Pesca del Litorale Triestino, che visiteremo durante questa uscita.

Vi abbiamo incuriosito e volete provare questo itinerario?

BUONA IDEA! 🙂
Partiamo con gruppi minimi di almeno 2 paganti la quota intera.
Gratuità per i bambini sotto i 6 anni e riduzione per ragazzi tra i 7 e i 16
anni computi.

COSTI:
2 partecipanti: quota individuale 30 €
3- 4 partecipanti: quota individuale 25 €
5 – 15 partecipanti: quota individuale 20 €
OCCHIO ALLE GRATUITA‘ e alle RIDUZIONI PER RAGAZZI!