Monrupino/Repentabor: itinerario geo-naturalistico tra marmi e orsi

>> UN LUOGO, UNA STORIA

Famoso per un marmo che non è marmo, per un monte, l’Orsario, poco frequentato dagli orsi, e per un santuario chiamato Rocca, il piccolo comune bilingue di Monrupino/ Repentabor, sembra voler fare dell’effetto sorpresa il proprio marchio.

Ci stupiremo ancora, passeggiando su strade forestali con modesta pendenza, toccando alcuni dei punti notevoli del piccolo territorio comunale. Partiremo proprio da alcune cave – storiche e moderne – di calcare, il pregiatissimo “marmo di Repen”, come è noto nell’ ambiente dell’estrazione e lavorazione della pietra.

Roccia, dunque, protagonista di questo itinerario, ma non solo quella “coltivata” dall’ uomo, anche quella che incontreremo lungo tutto il percorso, in macro e micro forme forgiate dagli elementi in intricati merletti pietrificati, solo parzialmente colonizzati dal lento rimboschimento del Carso.

Campi solcati (FOTO: E. Moretti – diritti riservati)

Vi abbiamo incuriosito e volete provare questo itinerario?

BUONA IDEA! 🙂
Partiamo con gruppi minimi di almeno 2 paganti la quota intera.
Gratuità per i bambini sotto i 6 anni e riduzione per ragazzi tra i 7 e i 16
anni computi.

COSTI:
2 partecipanti: quota individuale 30 €
3- 4 partecipanti: quota individuale 25 €
5 – 15 partecipanti: quota individuale 20 €
OCCHIO ALLE GRATUITA‘ e alle RIDUZIONI PER RAGAZZI!